Google Nexus 5

Nexus5

Realizzato con la massima precisione, il Nexus 5 si distingue per il design essenziale e intelligente e per lo straordinario display HD. Il telefono è disponibile in due colori: bianco e nero.

[ad]

Il Nexus 5 mette subito in chiaro le cose con un prezzo in “stile Nexus”: esageratamente conveniente rispetto alla concorrenza. Le dimensioni sono aumentate di pochissimo rispetto al precedente Nexus 4, ma in compenso il Nexus 5 è più leggero, tanto da stupire davvero la prima volta che lo si prende in mano.

Il Nexus 5 monta uno schermo LCD IPS di alta qualità, la definizione è impressionante, così come gli angoli di visuale e la luminosità. Il SoC scelto da Google e LG è il mitico SnapDragon 800 di Qualcomm: semplicemente il meglio che c’è attualmente sul mercato. Unico neo è l’altoparlante, la cassa presente è poi di scarsa qualità. L’unica buona notizia è che pare, sembra, che il problema vero sia solo software e non hardware.

Continue reading “Google Nexus 5”

5 App per monitorare il sonno

Sleep

Se ti sei chiesto almeno una volta nella vita cosa combini mentre dormi, prova ad installare una di queste app e scoprirai cose davvero inaspettate.

[ad]

Sleep Talk Recorder (Apple: 0,79 euro; Andoid: gratis)
Hai mai parlato nel sonno? Il tuo partner dice di sì, e allora la curiosità è tanta. Se hai paura di rivelare segreti o di perdere brillanti idee mentre dormi, è il caso di provare questa app, che può essere utile anche per dimostrare al tuo compagno che è vero che russa, e anche in modo sostenuto. Sleep Talk Recorder controlla il sonno, e non è solo un registratore live: ha una funzione di filtro avanzato che riconosce i suoni. Infatti prima di metterlo all’opera bisogna calibrare i suoni, dal più basso al più alto.

Sleep Time (Apple: 0,99 euro; Android: gratis)
Per far funzionare correttamente questa app bisogna portarsi a letto il telefono, questo perché utilizza l’accelerometro per rilevare il movimento nel corso della notte. Al mattino è possibile così analizzare il sonno: vedere le fasi del ciclo del sonno e a che ora della notte sono avvenute. La funzionalità più interessante è l’associazione con l’allarme: l’applicazione ti sveglierà nella parte più leggera del ciclo del sonno: se l’applicazione rileva che sarai nel bel mezzo del sonno profondo al momento in cui avrai impostato l’allarme, ti sveglierà un po’ prima. Doveva esserci da qualche parte, la fregatura.

Continue reading “5 App per monitorare il sonno”